Startseite - Home                                  

Startseite :: Home 
Kontakt :: Contact 
über uns :: about us 
Datenschutz :: Privacy Policy 
Impressum 
Kundeninformation 

  English Information

Il codice di Leonardo da Vinci nel Castello sforzesco

Kontakt/Bestellung
Contact/Order
via E-Mail:
info@digento.de  Contact/Order: info@digento.de

Hrsg. v. Giovanni Maria Piazza und Pietro C. Marani

Print + CD-ROM

Print: 2006, 196 Seiten, kartoniert

Inhalt :: Content
Volltext- und Faksimileausgabe des als "Codice Trivulziano 2162" bekannten Notizbuchs Leonardo da Vincis, das Aufzeichnungen, architektonische Studien und sonstige Skizzen des Künstlers von 1487 bis 1490 enthält. Die handschriftlichen Aufzeichnungen beinhalten ferner verschiedene, insgesamt rund 8.000 Einträge umfassende Wortlisten zum zeitgenössischen gelehrten Wortschatz, welche Leonardo da Vinci zu Studienzwecken aus lexikalischen, grammatikalischen und sonstigen Quellen exzerpierte und teilweise kommentierte. Die farbigen Seitenimages sind hochaufgelöst und erlauben eine detailgenaue Vergrößerung von Ausschnitten. Darüber hinaus enthält die CD-ROM sämtliche Texte des gedruckten Begleitbandes sowie eine Einführung in die Entstehungs- und Editionsgeschichte der Handschrift, einen umfangreichen Kommentarteil sowie einen kritischen Apparat.

 

Verlag :: Publisher
Electa Mondadori

Systemvoraussetzungen :: System requirements
Windows

Preis :: Price*
36,00 EUR

*Der Preis versteht sich zzgl. der gesetzlich gültigen Mehrwertsteuer und Versandspesen.
Preisänderungen vorbehalten.
Price exclusive of VAT and shipping charges. Prices are subject to change.
Das Angebot richtet sich nicht an Verbraucher i. S. d. § 13 BGB und Letztverbraucher i. S. d. PAngV.

ISBN
88-370-4393-7

Bestellnummer bei digento :: digento order number
104922


Verlagsinformation :: Publisher's information

L'esposizione ha per tema il Codice Trivulziano di Leonardo da Vinci nel contesto della produzione libraria, manoscritta e a stampa, della Milano sforzesca. Codici miniati, incunaboli, cinquecentine e oggetti d'arte provenienti dalla corte di Ludovico il Moro, faranno da corollario all'esposizione del prezioso manoscritto vinciano che, insieme al Codice Atlantico, costituisce uno dei due soli codici leonardeschi tuttora conservati nella città che ospitò Leonardo oltre un ventennio della sua vita. Il 2006 coincide, fra l'altro, con il quinto centenario del ritorno di Leonardo (avvenuta per l'appunto nel 1506) nella città lombarda, dove l'artista si sarebbe fermato fino al 1513. L'intera sequenza delle pagine, delle liste lessicali e degli spettacolari disegni in esso contenuti (studi di caricature, studi per il Duomo di Milano, studi d'arte militare, ecc. ecc.), sarà a disposizione in mostra e presentata nel volume e nel CD-rom abbinato.

La Mostra e il Catalogo che l'accompagna si segnalano per la loro alta valenza scientifica combinata con l'esigenza di una sua divulgazione presso un pubblico più vasto. In quest'ottica è stato concepito anche un CD-rom abbinato al catalogo. Il CD è in italiano e in inglese; contiene, oltre ai testi completi del catalogo della mostra, la rielaborazione del Trivulziano con possibilità di visualizzarlo specularmente, con l'evidenziazione dei disegni a punta metallica (a punta secca), trascrizioni, commenti e apparati critici; stratigrafia, fonti e riferimenti ai testi della "libreria leonardesca".

Il codice Trivulziano elettronico

Un viaggio interattivo tra le pagine del codice Trivulziano 2162: Leonardo lo ha utilizzato come "libretto d'appunti" e ora è possibile entrare in questo piccolo mondo scoprendo le parole, gli schizzi, i progetti, i disegni anche più nascosti in esso custoditi. Il supporto multimediale consente un notevole approfondimento visivo con la possibilità di ingrandire le immagini di tutte le pagine del manoscritto apprezzando in dettaglio il segno calligrafico e grafico di Leonardo. La comparazione tra immagini e testi rende proficui e piacevoli la lettura e lo studio dell'apparato critico, del commento e degli approfondimenti che accompagnano ogni pagina del manoscritto leonardesco e permettono di accostarsi a questo prezioso volume sia con la serietà e la competenza dello studioso, sia con la curiosità dell'appassionato.

Il codice è riprodotto integralmente e così anche le pagine dei testi cui Leonardo ha fatto riferimento per costruire le sue liste di vocaboli: il Vocabulistadi Luigi Pulci, il De re militaridi Roberto Valturio nella traduzione di Paolo Ramusio e il Novellino di Masuccio Salernitano.

Si possono scorrere le pagine del prezioso codice ed entrare nell'affascinante mondo di Leonardo, ad ogni pagina del "libretto d'appunti" è affiancata la trascrizione del testo che è possibile seguire con facilità ruotandone specularmente l'immagine e leggendo la scrittura di Leonardo da sinistra verso destra; si possono vedere da vicino i disegni e gli schizzi tracciati ad inchiostro ed è possibile evidenziare quelli a punta metallica, per apprezzarne maggiormente i tratti. Non manca il contributo di approfondimento dedicato alle "teste caricate" e alle "teste grottesche" inserito nelle pagine ove Leonardo si cimenta con questa tipologia di studio fisionomico.

Attraverso lo strumento elettronico è possibile ripercorrere tutte le tappe di utilizzo di una stessa pagina del manoscritto, occupata da Leonardo dapprima con alcune annotazioni, poi con un disegno a punta metallica, in seguito ripassato parzialmente ad inchiostro ed infine con la registrazione su cinque colonne di lunghe liste di vocaboli: la successione "stratigrafica" consente di osservare da vicino i diversi interventi di Leonardo oppure di seguirne automaticamente lo sviluppo.

Da ogni pagina del codice si può facilmente accedere all'apparato critico e se ne può leggere il relativo commento, scoprendo i riferimenti lessicali tra le pagine del Novellino, del Vocabulista e del De re militari. Il "codice elettronico" consente inoltre di vedere e leggere l'originale e la relativa trascrizione delle note che Don Carlo Trivulzio ha premesso al manoscritto leonardesco quando ne è entrato in possesso.

Non mancano i testi di approfondimento dedicati al codice Trivulziano 2162 e alle sue edizioni, alla storia dei manoscritti di Leonardo e alla composizione del codice Trivulziano. In quest'ultima sezione si può scoprire la struttura di tutti i fascicoli del libretto d'appunti e apprezzare le splendide immagini delle filigrane fotografate a indiretta.

Un'altra opportunità offerta dal supporto digitale è l'approfondimento dedicato al Tiburio del Duomo di Milano, spazio di semplice fruizione, arricchito da utili immagini comparative che consentono di conoscere e di apprezzare gli studi di architettura e i progetti costruttivi dedicati da Leonardo alla cattedrale milanese.

Vedere da vicino tutte le pagine del codice Trivulziano 2162, poter leggere le parole scritte da Leonardo, comparare fra loro disegni, testi, schizzi e progetti, accompagnati in ogni sezione da approfondimenti e contributi di alto valore scientifico fanno del Codice elettronico un utile strumento di lavoro, di conoscenza e di divulgazione.

 


top  top